Il sito di Carcassonne ha giocato nei secoli un ruolo determinante per la storia del Languedoc. Oppidum dell'Età del ferro, trasformato in città romana nel primo secolo dopo Cristo, la città diventa nel XI secolo un possedimento del potente viscontado di Trencavel che domina il Basso Languedoc. Al termine della crociata contro gli Albigesi la città, dotata di nuove fortificazioni, diventa una delle piazzeforti più emblematiche del potere reale, sulla frontiera che separa la Francia dal Regno di Aragona.
Tuttavia, con il Trattato dei Pirenei del 1659 che annette il Roussillon ai possedimenti francesi, la città perde il suo ruolo strategico e le sue opere di difesa sono lasciate al degrado. Nel XIX secolo, grazie all'azione degli abitanti e del servizio dei Monumenti storici che affidò il suo restauro a Eugène Viollet-le-Duc, l'antica fortezza ha recuperato la sua passata fisionomia.